Quando anche i denti sono sensibili agli sbalzi termici|EZStudiDentistici

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Perché i denti sono sensibili agli stimoli termici?

L’ipersensibilità al freddo e al caldo è un sintomo molto comune e spesso sottovalutato. È dovuto all’esposizione della dentina, tessuto del dente all’interno del quale è racchiusa la polpa. Tale struttura ossea è fisiologicamente più sensibile dello smalto e del cemento, perché attraversata da tubuli che contengono fibre nervose. (La dentina sopragengiva è normalmente coperta dallo smalto mentre sottogengiva è protetta da uno strato di cemento e , appunto, dalla gengiva).
L’ipersensibilità dentinale risulta essere accompagnata da una sintomatologia dolorosa, per lo più delle volte non facilmente localizzabile con precisione.

gengiva-ritiratadentisensibili-2dentisensibili-4

 

Quali sono le cause scatenanti?

A causa di fattori traumatici abrasivi, erosivi o patologici, la dentina si trova a non essere più ricoperta dallo smalto o dalla gengiva, per recessione gengivale, esponendo così, come già detto, le terminazioni nervose responsabili dello stimolo doloroso.

  • Abrasioni: dovute ad una scorretta tecnica di spazzolamento e/o ad un’eccessiva applicazione della forza, unitamente all’uso di dentifrici abrasivi e spazzolini con setole consumate e di cattiva qualità. Queste abitudini scorrette provocano una progressiva abrasione dello smalto, in particolare a livello della giunzione anelo-cementizia ( detto colletto dei denti-punto in cui la gengiva entra in contatto con il dente) dove la recessione gengivale espone la dentina.
  • Erosioni: dovute ad un eccessivo consumo di bevande, alimenti acidi e carboidrati che agiscono sullo smalto, che acidificano il pH della saliva erodendo così lo smalto ed esponendo la dentina sottostante. Lo stesso accade nei pazienti che soffrono di reflusso gastro-esofageo e di disturbi del comportamento alimentare (anoressia, bulimia).
  • Così come l’accumulo di placca tende ad esporre velocemente i tubuli dentinali, rendendo più suscettibili le fibre nervose contenute al suo interno generando dolore.
  • Parafunzioni (abfraction): le parafunzioni come il bruxismo, a causa dell’usura progressiva dello smalto e della dentina dovuta al digrignamento tra le superfici dentarie.
  • Iatrogene: l’ipersensibilità iatrogena, che trova la sua risoluzione in un breve tempo, compare come effetto collaterale indesiderato di alcuni trattamenti odontoiatrici quali sbiancamenti professionali, levigature radicolari o per procedure chirurgiche in seguito ad un’educazione protesica (allungamento di corona clinica).

Come comportarsi?

Le terapie si differenziano in base alla diffusione e alla gravità dell’ipersensibilità diagnostica dal medico.
           Le terapie professionali

  • Applicazioni in gel con fluoruro di sodio e fluoruro stannoso.
    fluoroprofilassi
  • Applicazione in gel con nitrato di potassio.
  • Fosfato di calcio e idrossido di calcio.
  • Compositi e adesivi nei casi di ipersensibilità localizzata (colletti esposti).
  • Idrossiapatite.
  • Terapia con laser associata ad applicazioni di fluoruro di sodio.         

 Le terapie domiciliari

  • Dentifrici (privo di indice abrasivo) e colluttori specifici per denti sensibili a base di nitrato di potassio, potassio cloruro,stronzio cloruro e acetato di stronzio, idrossiapatite, fluoro, arginina.
  • Praticare una corretta igiene orale, con corretta tecnica di spazzolamento (movimenti rotanti o a rullo in direzione gengiva-corona del dente).come-sbiancare-i-denti2
  • Mantenere le setole dello spazzolino in buono stato, cambiandole a tempo debito ( circa ogni 1/2 mesi).
  • Usare uno spazzolino più morbido specifico per soggetti con denti sensibili.
  • Utilizzo del filo interdentale per prevenire infiammazioni parodontali, causa d’origine della recessione gengivale.
  • Limitare il consumo di alimenti acidi, quali succhi di frutta, vino, aceto e bibite gasate.
  • Evitare di digrignare i denti o serrarli durante il giorno. Chiedere consiglio al proprio dentista sull’eventualità dell’uso di un byte notturno.
  • Sottoporsi a regolari sedute con controllo e igiene orale.

Trascurare un dente sensibile potrebbe causare seri problemi di salute orale, anche perché il dolore induce a spazzolare debolmente i denti, con il rischio di carie e gengiviti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close